overtones

by MARIO CONTE

/
1.
2.
3.
4.

about

former available as CD-R (ltd.ed. 25 copies) / SOLD OUT !

joint release with Zoff82
www.zoff82.net

credits

released May 21, 2014

The subtitle “Electronic Research in Natural Harmonics” sounds far more academic than the actual music. In fact, this short album does work with overtone drone layers, but it combines these harmonic fields with classic TR-808 beats. The result is experimental, yet partly danceable music, cleverly constructed yet very soulful. A masterpiece that will open up the pathway into experimental sound creation for listeners whose tastes are shaped by electronic dance music.

Using various synthesizers, all meticulously specified on the sleeve, but also a wide array of sound sources such as “fake guitar” and “live vocal tape scratching over Dostoevsky’s Crime and Punishment cassette”, Mario Conte and his co-conspirators create multi-faceted dronescapes with a high degree of melodic potential. "Overtones" is co-released with the Berlin and Italy-based label Zoff82, which publishes the tape version of the album.

File under: Drone, techno

------------------------------------------------------------------------
LA CADUTA:
Mario Conte è uno sperimentatore, nel senso ampio del termine. È uno a cui piace mescolare passato e presente per creare nuove soluzioni sonore. Mario Conte è in un certo qual modo un artigiano. Dopo aver lavorato con artisti del calibro di Peppe Barra, Meg, Colapesce e altri, nel 2008 fonda il collettivo musicale Phone Jobs. Dall’esperienza del recupero creativo di oggetti elettronici per comporre musica scaturisce Psychodelice Show 2.0, una serie di concerti assieme a Meg in cui il collettivo re-mixa brani della cantante napoletana esclusivamente mediante iPhones. Non pago crea, assieme ad Alessandro Quintavalle e Luca Reale, l’etichetta Zoff82, la stessa con cui pubblica la sua prima uscita solista Overtones, in collaborazione con la tedesca Attenuation Circuit, che curerà un’edizione limitata su CD.

È nell’uscita solista che si scoprono le carte, le radici, gli obiettivi e le idee. Overtones è un disco in cui le quattro tracce affrontano diversi percorsi, invertendo di volta in volta i punti prospettici, nella direzione di un’indagine rivolta a cesellare ed unificare suoni del passato popolare - campionati dai paesaggi naturali - a quelli di un presente, anch’esso popolare, fatti di corpo, ritmo e sequenzialità. Ne risulta una mistura tra landscape sonoro e dancefloor, Schafer e minimal, ampiamente espressa nei due Harmonic Field che aprono il disco. Capiamoci, non è roba “di tendenza”, ma una ricerca oculata sulle possibilità sonore della natura. Il sottotitolo ce lo dice chiaramente: Electronic Research in Natural Harmonics, in soldoni il suono della realtà che si fa ritmico, ballabile e non solo. Sì perché Organic Wave non si muove sulle stesse direttrici delle precedenti. È una lunga e complessa traccia che si contorce in un percorso tutto suo fatto di frequenze, glitch e campioni sonori gorgoglianti, che danno al brano quell’aspetto viscerale, per l’appunto organico, della vitalità. Il brano più squisitamente indagatore nell’ambito dell’elettronica contemporanea, dove ritmo e melodia vengono cancellati e il nucleo sta nella traduzione in impulsi digitali del paesaggio circostante. Un interesse che, dominando tutto il disco, ritroviamo anche in chiusura con Modern Country Side, in cui ritmo e soundscape si uniscono nella composizione più solida di Overtones. Siamo molto lontani dalle tinte trance-minimal di Harmonic Field #1/#2, proiettati più verso una ispirazione techno-core ben congegnata in cui si incontrano suoni granitici e slanci noise, release ed esplosioni ritmiche. Modern Country Side riesce, nei suoi 5:57 minuti, a dare spazio ad ogni elemento della ricerca intrapresa in Overtones riassumendolo in un brano ruvido, rumoroso e compatto come un pugno, che non sorprende ma determina, ha carattere e si impone.

Mario Conte non è un rivoluzionario e questo lo sa bene, non si muove su terreni sconosciuti e non cerca l’illuminazione della scoperta. Mario Conte naviga dentro e fuori l’elettronica, nei solchi già tracciati e in questi cerca nuove strade, percorsi inaspettati, sentieri non ancora registrati, per raggiungere mete conosciute. È in questo senso che lo si può definire uno sperimentatore. È in questo senso che lo si può definire un artigiano.

73/100
lacaduta.tumblr.com/post/101429174733/recensione-mario-conte-overtones

-----

TOUCHING EXTREMES

Conte works with synthetic or otherwise scarcely identifiable emissions and a Roland TR-808 to generate a brand of unlawful techno-drone (with industrial hues in “Modern Country Side”) with several attention-getting attributes. I might be growing old and creaky-boned, but feel no shame in declaring that this short album was a considerable surprise in its utter respectability, not a given when I tackle genres where a proper instrumental training is not a requirement. Sometimes, though, all it takes is the right frame of mind and a personal predisposition to the enchantment provided by a particular constitution to relish a product; in the case of Overtones, that’s exactly what happened. Sonorities and rhythms that sound, generally speaking, very natural in their relative amorphousness; hints of subterraneous melodies; a vague similitude with chosen episodes by the late, and ever great Muslimgauze (especially in the two “Harmonic Field” slices). The electronics are fleshy yet not invasive to a fault. The profusion of amassed frequencies and misrepresented colors furnishes the record with an essential animation, in spite of the occasional appearance of spectral vocals (including unneeded spoken snippets in “Organic Wave 1 & 2”). Basically, the tissue of the propulsive structures would be thick enough alone, that’s what we mean. The press release boldly states what follows: “A masterpiece that will open up the pathway into experimental sound creation for listeners whose tastes are shaped by electronic dance music”. Hype, I concur. Still, this stuff eats Burial and the likes for breakfast.

touchingextremes.wordpress.com/2014/07/09/mario-conte-overtones/

tags

license

about

attenuation circuit Augsburg, Germany

attenuation circuit - label for experimental music

contact / help

Contact attenuation circuit

Streaming and
Download help

Redeem code